Periodico di informazione, cultura, opinioni

Rozzano Anno VI - N. 2 – Febbraio 2019

Anno VI- n.1 – Gennaio 2019

Distribuzione Gratuita

Registrazione al Tribunale di Milano n. 70 del 17.03.2015

Edito dall’Associazione  Rozzano Oggi

 

Direttore: Adriano Parigi

Direttore Responsabile: Elisa Murgese

Redazione: Stefania Anelli, Gabriele Arosio, Niccolò De Rosa, Daniela Giannoccaro, Giuseppe Foglia, Marco Garritano, Fiorella Gebel, Marco Masini, Elisabetta Martello, Lorenzo Parigi, Franco Spiccia, Gigliola Zizioli  

Mail: posta@piazzafoglia.it

www.piazzafoglia.it

Le recensioni di Piazza Foglia

Casella di testo: Un vulcano chiamato Siria

Gabriele Arosio

Sei condotto sull’orlo del cratere di un vulcano e vieni invitato a guardare dentro.

Non puoi non sapere cosa vi troverai: l’inferno.

Così accade a chi voglia leggere il libro di Abdullah Alhallak.

Certo l’inferno della guerra siriana: iniziata nel 2011 e non ancora terminata. Ha fatto 400.000 morti (stime precise non ce ne sono), quasi cinque milioni di profughi siriani nel mondo e sei milioni di profughi interni.

Ma ben oltre questa guerra terribile e di proporzioni enormi, il libro di Abdullah ha un altro merito. Aiuta a gettare uno sguardo sulla storia pluridecennale della sanguinaria dittatura che governa la Siria dal 1971 in modo feroce e spietato.

Abdullah, la guida che conduce fino all’orlo del cratere, è un giornalista siriano, attivista del Partito comunista siriano.

E’ rifugiato politico in Italia dove è giunto dal Libano, con la moglie, grazie al progetto dei Corridoi umanitari della Federazione delle chiese evangeliche e della Comunità di sant’Egidio.

In Siria ha pagato un prezzo altissimo per la sua richiesta di libertà nei confronti della dittatura di Bashar al-Asad. E’stato incarcerato due volte, percosso e torturato e ha visto arrestare i suoi genitori per la sua militanza politica.

Il libro dunque documenta e racconta un punto di vista assolutamente privilegiato: quello di un protagonista capace di mettere insieme le notizie, i fatti e di spiegarne il senso. Perché la storia della Siria degli ultimi anni a noi non può che apparire un puzzle impazzito: un conflitto esasperato dalla presenza e dagli interessi di Usa, Russia, Turchia, Iran, Israele…dalla presenza e dagli interessi di numerosi gruppi appartenenti alla galassia dell’islamismo radicale e spesso in conflitto tra di loro.

L’orrore siriano ha lambito anche Milano.

A ottobre 2013 comparvero sul Corriere della Sera le foto di intere famiglie siriana con donne e bambini accampate in stazione centrale. Un evento che sorprese la città. Fu organizzato rapidamente un centro di accoglienza e per un paio d’anni fu un flusso continuo di siriani in transito verso il nord, Svezia, Germania, Danimarca dove un’antica immigrazione si era già insediata da tempo in fuga verso la libertà negata in patria.

Non è poi così grande il mondo. Non è poi così lontana la Siria.

Grazie ad Abdullah per aiutarci ad entrare nel suo dolore e nella sua speranza: “l’impegno di un progetto democratico e di giustizia per tutti i siriani resta un dovere e continueremo a batterci anche se probabilmente non avremo l’opportunità di vederlo realizzato. Forse, tra decenni, di parlerà della Siria come un paese che dopo la distruzione è riuscito a risorgere dalle proprie ceneri”.

 

Abdullah Alhallak, Un vulcano chiamato Siria, Jouvence, 2019

Giustizia

Attilio Manca: quindici anni dopo

Locale

Interrogazione in merito alle potature degli alberi nelle aree verdi e lungo le strade di Rozzano

Territorio

Il Diritto alla città

Contro le disuguaglianze e l’esclusione urbana

Il popolo perduto

Un estratto dal libro “Il popolo perduto. Per una critica della sinistra” di Mario Tronti con Andrea Bianchi

Cultura

Globale

Un comitato in difesa dell’unità della repubblica, dell’universalità dei diritti e della solidarietà nazionale

Sanremo val bene una messa!

Cultura

Un vulcano chiamato Siria

Cultura